Come far esplodere di fiori le tue piante

Esaltare la fioritura e i colori dei fiori sulle piante

Somministrare alla pianta solo un determinato prodotto può non bastare. Per esaltare la produzione di fiori ed esaltarne anche le caratteristiche e la colorazione degli stessi è un obiettivo che molti si pongono ma spesso senza un importante riscontro. Ci vuole costanza, equilibrio e delle buone pratiche per poter ottenere grandi risultati. L’utilizzo di alcuni prodotti specifici sono poi il tocco finale che spingono l’acceleratore al traguardo, che è quello di avere il massimo del risultato. Comunque per non farla molto lunga ho pubblicato queste foto per condividere con voi un piccolo esperimento fatto al fine di esaltare la fioritura su un gruppo di piante.Qui è capitata la Gaura ma si può fare su qualsiasi pianta da fiore.

gaura_nana_rossa_4 gaura_nana_rossa_2 gaura_nana_rossa_6 gaura_nana_rossa
Fase 1
Ad inizi primavera bisogna potare la pianta lasciando solo 10 cm di rametti portanti lignificati alla base.
Pulire la superficie del terreno sotto la pianta da fogliame secco e rami caduti.
Bucare il terreno più volte (almeno 20) infilzando un’asticina in metallo di 10 mm, lunga abbastanza da scendere per 20 – 30 cm. Questo serve per ossigenare la radice e lesionandola un po’ serve a far sviluppare nuovi capillari radicali che assorbono più facilmente il nutrimento.
Concimare il terreno con fertilizzante di sali puri, sbilanciati in fosforo e potassio con microelementi (i microelementi sono importanti per l’assorbimento costante dei nutrienti e fondamentali per il metabolismo e la salute delle piante). Io in questo caso ho usato il fertilizzante Actiwave della Valagro, ma si può benissimo utilizzate il One granulare o liquido.
Fase 2
Quando la pianta è in fase vegetativa e non ancora fiorita continuare le fertilizzazioni radicali con cicli brevi di 20gg al max e in accoppiata con tutto questo eseguire 3 cicli di trattamenti fogliari intervallati di 10gg (sulle giovani foglie a dose minima o diversamente sulle foglie adulte a dose massima) con concime organico biostimolante. Io qui ho usato il Kendal della Valagro, ma va benissimo anche il Sinergon della Cifo o il Cifoumic.
Risultato: Avendo usato fertilizzanti con poco azoto ho limitato la crescita degli steli, ho avuto dalla pianta una vegetazione più lenta e più compatta e dunque ho avuto un’abbondante fioritura prolungata da maggio fino ad oggi. L’ossigenazione del terreno fatta all’inizio e i biostimolanti utilizzati nella fase successiva hanno contribuito a rendere tutto più veloce e duraturo nel tempo.

Gianni De Nuzzo