Prato di Paspalum vaginatum

Richiedi informazioni

Nome e Cognome (richiesto)

E-mail (richiesto)

Recapito Telefonico

Richiesta informazioni per

I dati raccolti saranno utilizzati al solo fine di svolgere quanto richiesto dall’utente.

Leggi informativa Privacy

Descrizione

Caratteristiche

Specie macroterma perenne caratteristica delle regioni caldo-umide, vegeta su suoli salini, soprattutto lungo le fasce costiere. Il paspalum vaginatum costituisce un tappeto erboso denso, uniforme, di alta qualità. Ha una tessitura da media a fine. L’habitus è prostrato, possiede stoloni e rizomi. Cresce orizzontalmente sulla superficie, ne deriva pertanto una superiore resistenza alle infestanti e minori interventi di falciatura. L’interazione tra gli stoloni forti e vigorosi e i rizomi crea zolle resistenti.
Presenta una velocità di insediamento molto rapida.
In condizioni di bassa intensità di coltura è la macroterma che fornisce le migliori prestazioni. Risponde bene all’irrigazione, ma il suo principale pregio è quello di avere un’eccellente tolleranza a elevati livelli di salinità del suolo e delle acque di irrigazione.
La dormienza invernale comporta una decolorazione del tappeto erboso, alle nostre latitudini da novembre a marzo.

Impiego

tappeti ad uso sportivo, percorsi di golf: tee, fairway, rough ed anche i green, tollerando altezze di taglio molto basse; giardini ornamentali, arenili e lidi balneari; ideale in tutte le situazioni di intenso calpestio e basso livello manutentivo.

Pratiche colturali

La specie richiede un’intensità di manutenzione medio-bassa.
Necessita di poche irrigazioni, concimazioni e falciature. L’altezza del taglio è media (2-3 cm), ma bene si presta anche a tagli compresi tra 0,5 e 1,5 cm. Durante i mesi caldi richiede sfalci ogni 5-10 giorni circa, a seconda del livello ornamentale che si voglia ottenere. Il taglio può essere effettuato con tosaerba a lame elicoidali o rotative.
Durante i mesi autunnali la frequenza di taglio si riduce drasticamente fino ad annullarsi con l’entrata in dormienza invernale.
Le concimazioni tengono conto del fabbisogno di azoto (N) pari a 0,3-0,45 Kg/100 mq per ogni mese di crescita. Richiede un massimo di tre interventi l’anno. L’asportazione del feltro si effettua solo in caso di necessità.
Al fine di superare il limite della decolorazione invernale si può effettuare trasemina autunnale con Loietto (Lolium perenne) o la colorazione del tappeto con vernici specifiche.